sab.2 nov. Gratis Club Senigallia :: HIS CLANCYNESS (Fat Cat Records – Ita) – opening Joyce in Pola :: h.23 :: after w/Dj Mirkopratic

Associazione Gratis – Gratis Club Senigallia – v.le Bonopera 53 – ingresso riservato ai soci ARCI

Sabato 2 novembre – h.23

HIS CLANCYNESS (Fat Cat Records – live – Ita) // opening Joyce in Pola

HIS CLANCYNESS è il progetto più interessante, maturo e riuscito di Jonathan Clancy (A Classic Education, Settlefish), fresco di firma nientepopodimeno che per Fat Cat (Animal Collective, Sigur Ros, Mùm…).
Nella band, che ha registrato il disco di debutto a Detroit con Chris Koltay (Liars, Deerhunter, Swans, Akron/Family…), oltre a Jonathan, anche Giulia (A Classic Education), Emanuela (Heike Has The Giggles) e Jacopo (Disco Drive).

slowmotion

His Clancyness non è il nuovo progetto di Jonathan Clancy. His Clancyness è Jonathan Clancy. Ma attenzione: “Vicious”, il primo album ufficiale in uscita per la britannica FatCat il 7 ottobre, non è un resoconto della sua vita. Qui si entra nelle sue visioni, nei meccanismi che regolano la sua musica. Sapere che il nostro canadese trapiantato a Bologna è ossessionato dal rock n’ roll, dalla pop culture e dalla fotografia, che ha vissuto in dodici città diverse e che ha suonato in quasi tutto il mondo con Settlefish e A Classic Education, è il punto di partenza per potersi approcciare a “Vicious” in maniera profonda, cruda, totale. Perché “Vicious” è il modo in cui Jonathan colma le distanze, fissa un punto lontano e lo raggiunge. Si permette di indossare maschere ed essere, all’occorrenza, feroce. Vicious è un album che odora dell’aria e delle rovine di Detroit, la città in cui Jonathan, insieme a Paul Pieretto, a Jacopo Borazzo e al produttore Chris Koltay (già con Liars, Atlas Sound, Akron/Family, Lotus Plaza e Dirtbombs), ha registrato in tre settimane il suo primo LP, sotto l’ombra dell’abbandonata Michigan Central Station, agli High Bias Recordings. Un album denso, pieno di dettagli nella musica e nelle parole, svariati livelli che si sovrappongono e si compenetrano, shoegaze e metriche kraut, glam mischiato al cantautorato folk (quello americano, of course). Attenzione spasmodica ai particolari, perché Jonathan è un tipo che si prende dannatamente sul serio, e il risultato sono dodici brillanti canzoni pop, ma allo stesso tempo crudeli e surreali, come gli scatti di Guy Bourdin. Fotografie quasi malvagie, ma commissionate da Vogue o da Chanel. E come negli scatti di Bourdin, il punto focale di ogni canzone si individua immediatamente, per poi scoprire tutto quello che ci sta dietro, i rimandi ad influenze diversissime come Can, Scott Walker, Sonic Youth, Velvet Underground, Gun Club, The Beach Boys, Swell Maps, l’equilibrio di ogni singolo strumento, la ricercatezza di testi che solo un madrelingua sa concepire. Si parte drittissimi con “Safe Around The Edges”, per farsi subito cullare dalle onde di synth in “Miss Out These Days”, vera novità di Vicious rispetto agli EP finora pubblicati come His Clancyness. E se “Gold Diggers” è una ballata country, dolce nella melodia quanto spietata nelle liriche, “Hunting Men” torna su binari lineari e prende in prestito il punto di vista crudele di un’aquila rispetto alla disgrazia umana (I can only press on air, I can only feast on you), mentre “Slash The Night” aggiunge batterie sintetiche alle batterie vere, per raccontare di un omicidio nel bel mezzo della notte.“Run Wild” è stratificata, sognante, appoggiata sul bordo del rullante e costruita su synth e su chitarre luminose, fino a defluire in “Machines”, che è come se Neil Young suonasse kraut con i Jesus And Mary Chain a fargli da backing band.“Avenue” è l’unica canzone che non sa di Detroit, registrata a Bologna e su Bologna, delicata quasi per provare a controbilanciare una scossa di terremoto inimmaginabile fino ad un attimo prima che accadesse. “Crystal Clear” fa affidamento alle pulsazioni di basso (dal vivo suonato da Emanuela Drei) e ai tappeti di tastiera (affidati a Giulia Mazza) prima di gonfiarsi nel ritornello, mentre per definire “Zenith Diamond” non c’è niente di meglio che usare le parole di Jonathan stesso, perché l’inglese sa essere puntuale e sintetico come poche altre lingue al mondo: “it’s a glam punk wire song”. Il disco prosegue con la strumentale “Castle Sand Ambient”, episodio rilassante che si gonfia piano piano, come guardare un’onda mentre si avvicina alla battigia, prima di arrivare alla traccia conclusiva “Progress”, in cui Mr. Clancy diventa Mr. Pollock con tutte le sue paranoie e la sua genialità, e la canzone stessa si trasforma in un lungo vortice colorato, fino al misterioso finale che strizza l’occhiolino a (oh my gosh!) Dario Argento.
Questo è “Vicious”, questo è His Clancyness in tutto il suo splendore. Questo è un esordio non comune, di una delle realtà musicali più interessanti che si possono trovare in giro a livello europeo, non solo nel cortiletto di casa. Non per altro, His Clancyness è stato messo sotto contratto dalla FatCat, la label con sede a Brighton che ha pubblicato anche Sigur Ros e Animal Collective. Scusate se è poco.
link Joyce in Pola

2 thoughts on “sab.2 nov. Gratis Club Senigallia :: HIS CLANCYNESS (Fat Cat Records – Ita) – opening Joyce in Pola :: h.23 :: after w/Dj Mirkopratic

  1. Fantastic goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you’re just too magnificent.
    I really like what you have acquired here, certainly like what you’re stating and the way in which you say it.
    You make it enjoyable and you still care for to keep
    it smart. I cant wait to read much more from you. This is
    really a wonderful web site.

  2. I was suggested this website by my cousin. I’m not sure whether this post is written by him as nobody else know such detailed about my
    difficulty. You are wonderful! Thanks!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>